logologo

Contattaci

HomeBlogAD/CVD Import Tariffs Remain a Contentious Issue in the US

I dazi di importazione AD/CVD rimangono una questione controversa negli Stati Uniti

2024-01-02

Sfondo della saga AD/CVD

 

Il secondo trimestre del 2023 ha portato alla luce un rinnovato dibattito sulla questione delle tariffe di importazione dei dazi antidumping/compensativi (AD/CVD) negli Stati Uniti. Queste tariffe hanno incontrato l'opposizione del governo degli Stati Uniti, innescando discussioni e delibere in corso.

 

La saga dell'AD/CVD si è sviluppata nel corso di diversi anni. Tutto è iniziato con un’indagine basata sulle accuse mosse da Auxin Solar, che alla fine ha ritenuto diversi produttori solari di proprietà cinese colpevoli di aver eluso le tariffe di importazione statunitensi trasferendo alcuni aspetti delle loro attività nel sud-est asiatico. In risposta a questi risultati, il presidente Joe Biden ha emesso un ordine esecutivo che ha temporaneamente sospeso le tariffe AD/CVD su queste importazioni fino alla metà del 2024. A quel tempo, circa l'80% della fornitura solare statunitense proveniva da operazioni nel sud-est asiatico.

 

Sforzi per abrogare la rinuncia di Biden

 

Nell'aprile 2023, il Congresso ha preso in considerazione l'idea di votare per abrogare la deroga di Biden e ripristinare le tariffe. Ciò ha spinto una coalizione di oltre 400 aziende solari statunitensi, guidata dalla Solar Energy Industries Association (SEIA), a inviare una lettera sollecitando il Congresso a sostenere la deroga. Lo scopo della deroga era quello di fornire all’industria solare statunitense tempo sufficiente per prepararsi al potenziale impatto delle tariffe. Secondo il SEIA, questi impatti potrebbero equivalere a dazi retroattivi per un totale di 1 miliardo di dollari, nonché all'annullamento di progetti con una capacità solare combinata di 4 GW.

 

Nonostante gli incentivi offerti dall'Inflation Reduction Act, il settore era ancora nelle fasi iniziali per stabilire una significativa fornitura nazionale di fotovoltaico (PV). Ciò rimane vero anche oggi. Sia la SEIA che un gruppo bipartisan al Congresso che sostiene l'applicazione dei dazi hanno sottolineato l'importanza di proteggere gli "interessi americani". La SEIA ha sostenuto che la transizione energetica degli Stati Uniti e la crescita della sua industria solare sarebbero state ostacolate dalle tariffe proprio mentre lo slancio cominciava a prendere piede. D'altro canto, i legislatori hanno affermato che consentire l'afflusso di moduli economici, apparentemente di fabbricazione cinese, stava minando le imprese americane e il settore manifatturiero statunitense riemergente.

 

Il veto presidenziale mantiene la rinuncia

 

Dopo il passaggio al Congresso, il voto è arrivato alla Camera dei Rappresentanti e al Senato prima di raggiungere la scrivania del presidente Biden. Alla fine, il presidente Biden ha esercitato il suo potere di veto, preservando così la sua deroga e assicurando che rimanesse in vigore fino al prossimo anno.

 

In conclusione, il dibattito in corso sulle tariffe di importazione di AD/CVD negli Stati Uniti riflette la complessità e l'importanza di questo problema per le varie parti interessate. Mentre l'industria solare continua ad evolversi, trovare un equilibrio tra la tutela degli interessi nazionali, la promozione della crescita del settore manifatturiero e il sostegno alla transizione energetica della nazione rimane un compito impegnativo che richiede un'attenta considerazione.

 

Per informazioni più pertinenti, iscriviti a Batteria ACE.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo