logologo

Contattaci

HomeBlogIl gioco di potere dell'Arizona: gli utenti solari sui tetti colpiti da una nuova tariffa "discriminatoria".

Il gioco di potere dell'Arizona: gli utenti solari sui tetti colpiti da una nuova tariffa "discriminatoria".

2024-03-05

La mossa di potere dell'Arizona: l'ACC dà il via libera alla richiesta della principale utility APS di aumentare le tariffe dell'elettricità su tutta la linea. Non si fermano qui: stanno imponendo tariffe fisse a tutti, con gli utenti dell'energia solare sui tetti che subiscono il colpo maggiore.

 

Il presidente dell'ACC Jim O'Connor e tre membri repubblicani hanno approvato il piano tariffario, ammettendo di non aver compreso appieno il suo impatto sulle fatture dei clienti. Tenetevi forte, gente, perché le bollette sono destinate ad aumentare di un notevole 8%, molto al di sopra dell'inflazione.

 

Il presidente di APS, Ted Geisler, ha spifferato i segreti, prevedendo un aumento mensile da 10 a 12 dollari per i clienti abituali e un'enorme cifra di 15 dollari per quelli con impianti solari sul tetto. E se pensavate che fosse dura, ricordate, l’Arizona ha già tagliato i tassi di esportazione dei pannelli solari sui tetti la scorsa estate. Tempi duri per gli appassionati dell'energia solare.

 

L'ACC ha dato il via libera all'aumento del tasso di APS senza coglierne appieno l'impatto. Ora, il Fondo per l’istruzione del gruppo di ricerca sull’interesse pubblico dell’Arizona vuole un ripensamento. Stanno spingendo affinché APS raccolga informazioni precise sul colpo che subiranno i clienti, sotto giuramento.

 

Diane Brown, nel suo appello, insiste su dati completi e sui dirigenti dell'APS che prestano giuramento prima di qualsiasi discorso. Secondo lei, la commissione ha sbagliato non ponendo le domande difficili prima di approvare il piano tariffario.

 

Michael O'Donnell di Sunsolar Solutions non usa mezzi termini. Definisce la proposta "veramente scandalosa". Gli utenti solari già sborsano 80 dollari al mese per la connessione alla rete e, con le nuove tariffe, preparatevi a bollette da 120 dollari. E, attenzione, colpisce anche coloro che generano il 100% della loro energia dalle installazioni sul tetto. Pausa dura.

 

Nella terra del sole perpetuo, ci si aspetterebbe che l'Arizona guidasse il gioco dell'energia solare sui tetti. Ma no, nonostante i raggi cocenti, i tassi in rialzo e un costante bisogno di aria condizionata, l’Arizona non brilla nel mercato solare. I tassi di esportazione si stanno trascinando, grazie ai tagli, alle riduzioni e agli oneri di domanda imposti dall'ACC sugli utenti solari.

 

Christopher Worley di Sunrun non usa mezzi termini, definendo l'Arizona un posto difficile per le aziende solari. Agire su tariffe discriminatorie e non supportate per tassi di esportazione già bassi? È un duro colpo per i clienti del solare, un duro colpo per l’industria e un duro affare per i contribuenti. Tempi duri per l'energia solare nello stato del Grand Canyon.

 

APS sta lanciando una palla curva, imponendo addebiti retroattivi agli utenti dell'energia solare sui tetti, anche a quelli che hanno firmato accordi di scambio netto. Questa mossa, definita discriminatoria, colpisce gli obiettivi fondamentali di promuovere l’indipendenza energetica, la prevedibilità delle bollette e la riduzione dell’impronta di carbonio. È un gioco traballante che mina la fiducia dei consumatori nel solare come investimento affidabile.

 

Christopher Worley non si tira indietro, affermando che politiche retroattive come queste compromettono la certezza del mercato e lasciano i clienti frustrati.

 

Perché il successo dei portafogli solari? L'APS afferma che si tratta di migliorare la trasmissione e di affrontare "problemi di spostamento dei costi". Questa argomentazione sullo spostamento dei costi, diffusa a livello nazionale, suggerisce che gli utenti non solari stanno finanziando i clienti solari, facendo aumentare i costi delle utenze. Una mossa che sta sollevando perplessità e animi.

 

Quando le tariffe di scambio netto hanno subito un duro colpo la scorsa estate, APS ha diffuso cifre, citando un notevole spostamento dei costi annuali da $ 800 a $ 1000 all'interno della classe dei contribuenti residenziali. Si tratta dell'enorme somma di 18 milioni di dollari in sovvenzioni incrociate, hanno affermato.

 

Ma un attimo, gli studi dei Berkeley Labs e di gruppi statali stanno sfondando completamente questa narrativa dell'utilità. Secondo Berkeley Labs, con l’attuale adozione dell’energia solare sui tetti, il presunto spostamento dei costi è quasi nullo. La loro modellazione mostra che l’energia solare sul tetto consente effettivamente di risparmiare sui costi su tutta la linea. Anche con un tasso di adozione del solare in Arizona del 10%, il presunto spostamento dei costi si riduce a soli 0,005 dollari/kWh. Sembra che i numeri non quadrano come affermato.

 

Aggiungendo una svolta alla saga degli aumenti dei tassi, gli emendamenti stanno ora indirizzando lo spostamento dei costi nella direzione opposta. Inserisci l'emendamento 3, promosso da O'Connor. Ciò spinge APS a gestire un programma che sfrutta l'energia solare e le batterie sui tetti dei clienti per esportare energia durante le ore di punta della domanda.

 

Christopher Worley è assolutamente a favore, affermando che programmi come questi sfruttano al massimo gli investimenti dei clienti del settore solare, riducendo in definitiva i costi per tutti.

 

Il pubblico ha parlato forte e chiaro. Oltre 2.000 individui e gruppi in Arizona hanno investito nell'aumento dei tassi, e il consenso è un sonoro no. L'opposizione si sta diffondendo in tutto lo Stato.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...