logologo

Contattaci

HomeBlogCOP28's Plan to Increase Nuclear Capacity is Not Realistic

Il piano della COP28 per aumentare la capacità nucleare non è realistico

2024-02-05
Mentre Dubai faceva notizia con il suo ambizioso obiettivo di triplicare la propria capacità di energia rinnovabile entro il 2030, uno sviluppo parallelo si è svolto in un vertice controverso. Qui, 25 paesi hanno concordato informalmente un impegno coraggioso: mirano a triplicare la loro capacità di energia nucleare entro il 2050.

Nel dicembre 2023, il vertice sul clima di Dubai, noto come COP28, si è concluso con una spinta per abbandonare la dipendenza dai combustibili fossili verso fonti energetiche più pulite. Il vertice ha svelato due impegni: uno fattibile, approvato da 123 nazioni e incorporato nell'accordo COP28, incentrato sull'energia rinnovabile e sull'efficienza, e un secondo impegno più ambizioso sull'energia nucleare, che ha raccolto solo il sostegno di 25 paesi.

 

Esaminando i dati storici, è chiaro che triplicare la produzione di energia nucleare entro il 2050 è altamente improbabile. Il "World Nuclear Industry Status Report (WNISR2023)" rileva che l'attuale capacità nucleare globale ammonta a 365 gigawatt (GW) a luglio 2023. Raggiungere l'obiettivo di quasi 1,1 terawatt (TW) entro 27 anni richiederebbe una crescita senza precedenti. p> 

 

Guardando indietro di 27 anni, fino al 1996, la capacità nucleare globale era leggermente inferiore, pari a 344 GW. Da allora, la crescita è stata minima, con una media di appena 800 megawatt (MW) all’anno. Questo ritmo suggerisce che entro il 2050 potremmo vedere un aumento solo fino a 386 GW, ben al di sotto dell'ambizioso obiettivo fissato dagli impegni internazionali sul clima.

 

Inoltre, la quota dell'energia nucleare nella produzione globale di elettricità è in calo, dal 17,5% nel 1996 al 9,2% entro il 2023, secondo il WNISR2023. Al contrario, le energie rinnovabili come il solare e l’eolico sono aumentate dall’1,2% al 14,4% nello stesso arco di tempo, supportate da significative riduzioni dei costi. Ad esempio, il costo per generare energia solare ed eolica negli Stati Uniti è diminuito rispettivamente dell'83% e del 63% dal 2009 al 2023, mentre i costi dell'energia nucleare sono aumentati del 47%.

 

Costruire i reattori necessari per triplicare la capacità nucleare sarebbe astronomicamente costoso. I nuovi reattori costano circa 15 miliardi di dollari per gigawatt, per un totale stimato di 11 trilioni di dollari per i 730 GW richiesti. Questa cifra non tiene conto nemmeno della sostituzione dei reattori più vecchi che verranno smantellati.

 

Nonostante queste sfide, alcuni sostenitori del nucleare sostengono che i progressi, come i piccoli reattori modulari (SMR), potrebbero ridurre i costi. Tuttavia, gli SMR soffrono della mancanza di economie di scala, il che li rende più costosi per megawatt rispetto ai reattori più grandi. I dati storici provenienti dagli Stati Uniti mostrano che i reattori più piccoli costruiti prima del 1975 erano economicamente non sostenibili e furono smantellati anticipatamente.

 

Un esempio dei costi elevati associati agli SMR è il progetto NuScale abbandonato nello Utah, che secondo le previsioni costerebbe 9,3 miliardi di dollari per soli 462 MW di capacità. Ciò suggerisce un costo di 20 miliardi di dollari per gigawatt, significativamente superiore alle stime attuali per gli impianti più grandi.

 

La tendenza costante di progetti nucleari che superano il budget e i tempi stimati complica ulteriormente il quadro. Da uno studio è emerso che quasi tutti i progetti nucleari esaminati hanno superato il budget, con costi in media del 117% superiori alle stime iniziali.

M.V. Ramana, esperto nel settore, sottolinea questi punti, evidenziando le sfide finanziarie e logistiche che rendono l'energia nucleare una soluzione poco pratica al cambiamento climatico, in contrasto con l'economia più favorevole e la scalabilità delle fonti energetiche rinnovabili.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo