logologo

Contattaci

HomeBlogHeat Pumps: A Solution to Fuel Poverty in the UK

Pompe di calore: una soluzione per alimentare la povertà nel Regno Unito

2024-01-21
Una recente ricerca condotta da scienziati nel Regno Unito ha fatto luce sul potenziale delle pompe di calore nell’alleviare la povertà energetica in Inghilterra e Scozia. Lo studio ha preso in considerazione l’impatto della crisi energetica, nonché la recente pandemia e gli eventi geopolitici come la guerra Russia-Ucraina.

Cos'è la povertà energetica? È una situazione in cui le famiglie faticano a permettersi l’energia necessaria per riscaldare comodamente le proprie case. Le conseguenze della povertà energetica sono di vasta portata, compresi problemi di salute fisica e mentale, maggiori richieste sui sistemi sanitari nazionali e implicazioni ambientali dovute all’inefficienza energetica delle case povere di carburante. Secondo i ricercatori, una famiglia è considerata in povertà energetica se il costo del carburante necessario supera il 10% del reddito netto corretto della famiglia.

 

Per condurre la loro analisi, i ricercatori hanno esaminato i sondaggi sugli alloggi condotti in Scozia e Inghilterra, tenendo conto di fattori quali il reddito netto, il consumo di energia e il tipo di carburante. Hanno scoperto che in tempi pre-crisi, il tasso di povertà energetica in Scozia era del 35,55%, mentre in Inghilterra era pari al 17,38%. Tuttavia, durante i periodi di crisi, queste percentuali sono salite alle stelle fino al 67,26% in Scozia e al 47,68% in Inghilterra.

 

È interessante notare che i ricercatori hanno identificato una forte correlazione tra la percentuale di gas di scarico e la stima della povertà energetica pre-crisi, con un coefficiente di correlazione di Pearson di 0,81.

 

In che modo le pompe di calore possono contribuire a combattere la povertà energetica? Secondo gli scienziati, le pompe di calore hanno costi di gestione inferiori rispetto alle fonti di gas di scarico, il che potrebbe potenzialmente portare le famiglie al di sopra della soglia di povertà energetica. Tuttavia, gli elevati costi iniziali di installazione possono costituire un ostacolo all’adozione. Durante il periodo di ricerca, il Regno Unito ha implementato una politica che ha fornito 5.000 sterline (6.340 dollari) a sostegno della riduzione di tali costi. I ricercatori hanno scoperto che tale sostegno politico potrebbe ridurre la povertà energetica di almeno il 90,2% in periodi normali e fino al 97,6% durante le crisi. In assenza del sostegno del governo, la riduzione della povertà energetica è significativamente inferiore, pari al 51,2% in tempi normali e al 65,9% durante le crisi.

 

Tuttavia, è necessario considerare anche il costo degli aggiornamenti della rete per soddisfare la crescente domanda di pompe di calore. I ricercatori stimano che circa 457 delle 3.891 sottostazioni primarie in Inghilterra e Scozia richiederebbero aggiornamenti per supportare la domanda aggiuntiva. Si prevede che il costo totale di questi aggiornamenti ammonterà a 715,4 milioni di GBP, distribuiti su una durata di 45 anni.

 

In conclusione, le pompe di calore hanno il potenziale per far uscire le famiglie dalla povertà energetica nel Regno Unito. Sebbene offrano costi di gestione inferiori rispetto alle fonti di gas di scarico, gli elevati costi iniziali di installazione e i necessari aggiornamenti della rete pongono delle sfide. Tuttavia, con il giusto sostegno politico, la riduzione della povertà energetica può essere significativa, a vantaggio delle famiglie, dell'ambiente e dei sistemi sanitari nazionali.

 

Secondo un recente studio condotto da accademici dell'Università di Edimburgo e dell'Università di Oxford, l'Aberdeenshire ha il costo medio di aggiornamento della rete più alto nel Regno Unito. Ciò può essere attribuito alla percentuale relativamente elevata di case senza gas, che rappresentano il 41,2% di tutte le famiglie della zona.

 

È interessante notare che lo studio ha rilevato che le Isole Orcadi e Shetland, che hanno quasi il 100% di case off-gas, registrano costi di ristrutturazione relativamente bassi. Questo perché più della metà delle famiglie di queste regioni utilizza già il riscaldamento elettrico, che grava meno sulla rete rispetto ad altre forme di riscaldamento.

 

I ricercatori hanno scoperto che la sostituzione dei riscaldatori elettrici con le pompe di calore potrebbe alleviare ulteriormente il carico sulla rete, grazie all'elevata efficienza delle pompe di calore. Questo risultato controintuitivo suggerisce che l'adozione di pompe di calore nelle regioni con un'elevata percentuale di case off-gas potrebbe essere una soluzione economicamente vantaggiosa per l'ammodernamento della rete.

 

I ricercatori hanno approfondito la loro analisi conducendo un'analisi costi-benefici, concentrandosi su regioni come le Isole Shetland e le Isole Orcadi. Hanno scoperto che queste aree non solo hanno mostrato costi bassi e benefici relativamente elevati nei periodi pre-crisi, ma hanno anche sperimentato tendenze simili durante i periodi di crisi.

 

D'altro canto, regioni come l'Aberdeenshire e l'Inghilterra orientale hanno registrato minori benefici e costi associati più elevati. Questi risultati possono guidare i decisori politici nella progettazione e nella definizione delle priorità dei meccanismi di supporto regionale e dell'implementazione delle pompe di calore.

 

Lo studio, intitolato "Valutazione dei benefici sociali e dei costi di rete delle pompe di calore come intervento in caso di crisi energetica", è stato recentemente pubblicato sulla rivista iScience. I ricercatori sottolineano che i benefici delle pompe di calore perdurano sia nei periodi normali che in quelli di crisi.

 

Anche se la crisi energetica finisse prima dell'adozione sostanziale delle pompe di calore, i loro benefici a lungo termine potrebbero comunque essere realizzati. Ciò è particolarmente significativo considerando la possibilità di future crisi energetiche. Pertanto, i politici dovrebbero considerare l'adozione delle pompe di calore come una soluzione praticabile non solo per affrontare le sfide immediate ma anche per garantire un futuro energetico sostenibile.

 

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo