logologo

Contattaci

HomeBlogLo slancio solare aumenta con un maggiore sostegno federale e locale nelle comunità a reddito da basso a moderato

Lo slancio solare aumenta con un maggiore sostegno federale e locale nelle comunità a reddito da basso a moderato

2024-03-15

L'accesso solare per le comunità a reddito basso e moderato (LMI) è sotto i riflettori. C'è un'impennata della domanda per posizionamenti solari più equi, con un forte sostegno sia a livello federale che locale.

 

Vincent Potter, analista politico presso il NC Clean Energy Technology Center, ha sottolineato che l'anno scorso ha segnato un cambiamento significativo nel sostegno alle comunità LMI nelle iniziative solari. Ha osservato che il 2023 ha visto un aumento delle disposizioni incentrate sull'LMI nell'ambito degli obiettivi statali in materia di energia rinnovabile e delle politiche solari comunitarie.

 

Sebbene la comunità solare non abbia sempre dato priorità alla rappresentazione dell'LMI, il mercato in evoluzione ora abbraccia una definizione più ampia e inclusiva del termine, enfatizzando l'impatto sociale oltre i confini fisici.

 

L'obiettivo di Community Solar è sempre stato chiaro: portare l'energia solare a coloro che non potevano, non volevano o non l'hanno installato nella loro proprietà. Che sia dovuto al fatto di non possedere lo spazio o di evitare la rimozione degli alberi, l'obiettivo è l'inclusività, afferma Potter. L'evoluzione delle aggiunte e dei programmi LMI (reddito basso e moderato) rappresenta un approccio più completo al solare comunitario.

 

Le soluzioni LMI sono emerse negli Stati Uniti intorno al 2017, spesso utilizzando la misurazione della rete virtuale. Ciò ha consentito alle famiglie LMI di impegnarsi in abbonamenti solari proto-comunitari. Il movimento solare comunitario ha acquisito slancio un anno dopo, offrendo ai sostenitori un'occasione d'oro per sostenere l'equità solare per tutti.

 

Secondo Potter, nel 2018, quando il solare comunitario ha preso piede, i sostenitori e i servizi di pubblica utilità l'hanno visto come un'opportunità di business, accaparrandosi lungo il percorso crediti per l'energia rinnovabile. Tuttavia, ciò ha aperto una finestra al personale pubblico e ai sostenitori dei contribuenti per affrontare le questioni relative all’uguaglianza. Con l'attivazione di strutture pre-approvate, è emersa la possibilità di ampliare questi programmi, a vantaggio non solo dei ricchi.

 

Entro la fine del 2021, i progetti solari comunitari prosperavano in 39 stati, di cui 22 stati più Washington D.C. avevano istituito programmi solari comunitari. Sebbene il solare comunitario garantisca parità di accesso all’energia pulita, la realtà è che si tratta anche di una mossa commerciale astuta. Gli Stati abbracciano l'energia comunitaria non solo per la sua inclusività, ma anche come mezzo per raggiungere ambiziosi obiettivi di energia pulita.

 

L'energia solare comunitaria non riguarda solo l'energia pulita; è una strategia per ampliare il panorama dell’energia pulita. Secondo Potter, estendendo l’energia distribuita ai mercati non sfruttati, in particolare alle famiglie a basso reddito, gli stati possono accelerare i loro obiettivi di energia pulita. I grandi centri abitati hanno spesso case e condomini inadatti alle tradizionali installazioni solari, creando una domanda latente che alimenta l’ondata solare della comunità. Le legislature statali, consentendo ciò, mirano a garantire l'inclusività, proclamando: "Assicuriamoci di non lasciare indietro nessuno".

 

Con il mercato solare comunitario in fase di riscaldamento, gli installatori si trovano a dover affrontare una forte concorrenza. Il governo federale addolcisce il credito d'imposta sugli investimenti per progetti nelle comunità energetiche per residenti a reddito medio-basso (LMI) attraverso il "Programma di credito bonus per le comunità a basso reddito" dell'IRA. Il primo anno del programma ha visto ben 46.000 richieste, per un totale di 8 GW di capacità, quattro volte superiore a quella disponibile. Anche se solo 1,8 GW garantiranno crediti bonus, Potter vede questo come un sostanziale impulso per l'accessibilità all'energia pulita nelle comunità LMI.

 

"Non sorprende che sia stata richiesta una capacità quadrupla rispetto agli incentivi disponibili", ha commentato. Alcuni si avvicinano incautamente, lanciando tutto contro il muro. Anche se il 75% di questi progetti fallisse, garantire 1,8 GW sarebbe comunque un successo significativo. Perderne alcuni per logoramento massimizzando al tempo stesso la categoria potrebbe essere un risultato valido, suggerisce Potter.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...