logologo

Contattaci

HomeBlogIl Clean Energy Council chiede un’espansione dei progetti di energia rinnovabile

Il Clean Energy Council chiede un’espansione dei progetti di energia rinnovabile

2024-05-06

Il Clean Energy Council ha chiesto un'accelerazione dei progetti di energia rinnovabile dopo che il rapporto AEMO ha evidenziato il declino dell'affidabilità della produzione di carbone.

 

Il direttore esecutivo del Clean Energy Council, Kane Thornton, ha affermato che il rapporto di AEMO sulle opportunità energetiche è un altro promemoria dell'importanza di nuovi investimenti per garantire la sicurezza e l'accessibilità energetica e per raggiungere l'ambizioso obiettivo dell'82% di energia rinnovabile entro il 2030.

 

Nonostante l'enorme potenziale e i numerosi progetti in cantiere, la mancanza di pianificazione strategica e di riforme negli ultimi dieci anni fa sì che gli investitori si trovino ad affrontare una serie di ostacoli ai nuovi investimenti.

 

Il rapporto di AEMO segue il rapporto trimestrale del Clean Energy Council sui progetti di energia rinnovabile per il secondo trimestre del 2023, che mostra che, mentre i progetti di stoccaggio sono sulla buona strada, la generazione di energia rinnovabile è in ritardo.

 

"Il tempo dell'autocompiacimento è finito, è ora di rilasciare il freno a mano e iniziare a costruire gli impianti di cui abbiamo bisogno", ha affermato Thornton.

"L'industria delle energie rinnovabili ha trascorso molti anni superando obiettivi che molti ritenevano irraggiungibili.

 

"Siamo pronti a costruire ciò che è necessario. Ma i leader del settore ci hanno fatto sapere che devono affrontare sfide impegnative e hanno chiarito che hanno bisogno di aiuto per andare avanti e portare a termine il lavoro.

 

"Chi è disposto a fare gli investimenti necessari, più di ogni altra cosa, ha bisogno e merita certezze.

 

La ricerca per l'Energy Outlook Confidence Index del Clean Energy Council ha individuato dieci sfide:

 

  • Preoccupazioni e sfide legate al processo di connessione alla rete e ai requisiti tecnici.
  • Preoccupazioni sul ruolo dei governi statali nel detenere la proprietà della produzione di energia e nel prevenire o indebolire gli investimenti privati.
  • Investimenti insufficienti nella capacità della rete per affrontare la congestione e i vincoli.
  • Mancanza di un chiaro incentivo del mercato nazionale, come un RET ampliato, per incoraggiare nuovi investimenti nelle energie rinnovabili.
  • Incertezza sul futuro assetto del mercato
  • Preoccupazioni e incertezze riguardanti i fattori di perdita marginali
  • Il calo della domanda di energia ha un impatto sul mercato dell'energia all'ingrosso
  • Incertezza sui tempi dell'eliminazione graduale della produzione di energia elettrica a carbone.
  • Difficoltà nell'ottenere l'approvazione dei progetti
  • Reclutamento e mantenimento di manodopera qualificata.

 

"Se superiamo queste sfide, siamo fiduciosi di poter creare un sistema energetico affidabile ed economicamente vantaggioso che raggiunga l'82% di energie rinnovabili entro il 2030, raggiunga i nostri obiettivi di emissioni a lungo termine e prepari l'Australia a diventare una superpotenza di energia pulita. "

 

Thornton ha affermato che in Australia esiste un'enorme pipeline di progetti di energia rinnovabile, ma gli investitori sono stati sopraffatti dalle opportunità globali, mentre le barriere hanno reso i progetti australiani meno attraenti.

 

"Affrontare questi ostacoli richiede una reale leadership e collaborazione tra governo, industria, organizzazioni di mercato e autorità di regolamentazione per superare molte di queste sfide. L'impegno e i progressi nell'affrontare questa sfida sono ora forti e quasi universali."

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...