logologo

Contattaci

HomeBlogL'energia solare egiziana supererà il progetto Benban da 1,8 GW nello sforzo di espansione

L'energia solare egiziana supererà il progetto Benban da 1,8 GW nello sforzo di espansione

2024-04-15

L'Egitto è stato uno dei pionieri in Africa per progetti di energia rinnovabile su larga scala, raggiungendo 555 MW di capacità eolica entro il 2012 grazie al sostegno di donatori internazionali piuttosto che a iniziative nazionali. Al contrario, il significativo investimento dell'Egitto nel gas naturale è stato evidenziato dal completamento delle tre più grandi centrali elettriche a gas a ciclo combinato del mondo nel 2018 da parte di Siemens per la Egyptian Electricity Holding Company (EEHC), con una capacità totale di 14,4 GW.<p >

 

Il cambiamento geopolitico derivante dall'invasione russa dell'Ucraina ha fatto lievitare i prezzi globali del gas e reindirizzato la domanda europea verso fornitori alternativi, tra cui l'Egitto, che lo scorso anno ha esportato l'80% del suo gas naturale liquefatto in Europa. Questo aumento delle entrate, insieme alla diminuzione dei costi dei componenti fotovoltaici (PV), sta rimodellando il panorama economico energetico dell'Egitto.

 

Secondo gli ultimi dati dell'Autorità egiziana per le energie nuove e rinnovabili (NREA), il mix di produzione di energia della nazione è attualmente costituito per l'80% da energia termica, per il 12% da energia eolica, per il 6% da energia idroelettrica e per il 2% da energia solare. Il governo egiziano ha fissato obiettivi ambiziosi in materia di energia rinnovabile: 42% del mix energetico entro il 2030, di cui il 22% dal solare, richiedendo un aumento della capacità solare a 31 GW dagli attuali 1,77 GW. Inoltre, è stato stabilito un obiettivo futuro del 60% di energie rinnovabili entro il 2040.

 

Alla fine del 2023, NREA ha riferito che la capacità solare dell'Egitto comprendeva 1,5 GW nel sito di Benban, 26 MW a Kom Ombo vicino ad Assuan e 50 MW dalla joint venture Belectric-CCC nel progetto Zafarana sul Mar Rosso costa. Inoltre, c'erano 97 MW di installazioni solari su tetto, 30 MW di sistemi autonomi e altri 102 MW da varie installazioni commerciali e industriali (C&I) e array più piccoli.

 

Progetto Benban

 

Gli sviluppi di energia solare su larga scala in Egitto si sono concentrati principalmente intorno ad Assuan, nella parte meridionale del paese, dove l'esposizione solare è più elevata e sono disponibili ampi terreni per grandi progetti.

 

Il parco solare di Benban, situato a circa 50 km da Assuan, è un punto di riferimento nel panorama solare egiziano e uno degli impianti fotovoltaici più grandi a livello globale. La sua capacità è compresa tra 1,4 GW e 1,8 GW, con discrepanze probabilmente dovute a potenziali espansioni di alcuni segmenti.

 

Questa vasta struttura si estende su 37 chilometri quadrati ed è composta da 41 progetti distinti. I principali partecipanti a questo progetto includono Voltalia, Infinity Solar, SP Energy, Acciona Energía, Horus Solar Energy e Scatec Solar. Lo sviluppo di Benban è stata un'impresa finanziaria significativa, costata circa 4 miliardi di dollari. I finanziamenti provenivano da diverse importanti istituzioni finanziarie, tra cui la International Finance Corp. (IFC) della Banca Mondiale, la Banca Africana per lo Sviluppo (AfDB) e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS). La maggior parte delle fasi di costruzione sono state completate tra il 2018 e il 2019.

 

Le tariffe feed-in (FIT) in Egitto forniscono agli operatori prezzi garantiti per l'elettricità per un periodo di 25 anni e, attualmente, queste sono le uniche FIT del settore privato disponibili nel paese, secondo un portavoce di Voltalia in un'intervista a rivista PV. È stato riferito che il progetto solare di Benban ha generato circa 6.000 posti di lavoro di gestione e manutenzione, creando un serbatoio di manodopera qualificata che potrebbe essere sfruttato per futuri progetti di energia rinnovabile.

 

L'impresa di Voltalia all'interno del complesso di Benban, il progetto RA da 32 MW, utilizza pannelli solari Suntech da 330 W. Tutta l’elettricità prodotta da questo progetto viene venduta alla Egyptian Electricity Transmission Co. (EETC) nell’ambito di un contratto di acquisto di energia (PPA) della durata di 25 anni al prezzo di 0,084 dollari/kWh, come parte del programma FIT dell’Egitto. In particolare, questi pagamenti vengono effettuati in sterline egiziane.

 

Inoltre, ACWA Power dell'Arabia Saudita è sulla buona strada per completare il suo impianto solare di Kom Ombo da 200 MW, situato a soli 20 km da Benban, entro aprile 2024. Il progetto, che costa 182 milioni di dollari, ha ricevuto sostegno finanziario da diverse istituzioni tra cui Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), Fondo OPEC per lo sviluppo internazionale e Banca africana di sviluppo (AfDB).

 

Altre installazioni

 

Nel dicembre 2023, ACWA Power ha firmato un accordo quadro per sviluppare un progetto sull'idrogeno verde da 4 miliardi di dollari nella zona economica del Canale di Suez. Il progetto, che inizialmente produrrà 600.000 tonnellate di idrogeno verde all’anno, per poi arrivare a 2 milioni di tonnellate, sarà alimentato da fonti solari fotovoltaiche ed eoliche. ACWA Power ha una pipeline di sviluppo di 1,4 GW per queste energie rinnovabili in Egitto. L'impianto di idrogeno utilizzerà la stessa linea di trasmissione da 220 kV del parco solare di Benban e opererà nell'ambito di un accordo di acquisto di energia di 25 anni con la Egyptian Electricity Holding Company (EEHC).

 

Altri sviluppi includono Globeleq e Masdar, che hanno anche firmato accordi nel 2022 per impianti di idrogeno verde nella stessa zona. Nel frattempo, Empower New Energy gestisce cinque progetti commerciali e industriali (C&I) da 500 kW in vari settori in Egitto, con piani di espansione con tre ulteriori progetti solari. Altri impianti solari C&I esistenti includono quelli a Sharm El Sheikh, un ospedale di Luxor e uno stabilimento industriale di Giza.

 

I dati attuali della New and Renewable Energy Authority (NREA) indicano che l'Egitto ha 700 MW di capacità solare in costruzione, incluso il progetto Abydos da 500 MW e un progetto da 200 MW a Kom Ombo. AMEA Power, con sede a Dubai, prevede di completare il progetto Abydos vicino ad Assuan entro marzo 2025. Il finanziamento di questo progetto proviene da un consorzio guidato dalla International Finance Corporation (IFC) e comprende un accordo di acquisto di energia (PPA) con la Egyptian Electricity Transmission Azienda (EETC).

 

In un altro sviluppo, Scatec, che già gestisce 380 MW a Benban, ha firmato un accordo di cooperazione nel dicembre 2023 con l'EEHC per sviluppare un progetto ibrido con 1 GW di energia solare e 200 MWh di stoccaggio in batterie, segnando il primo progetto su scala industriale del paese progetto ibrido. Un accordo preliminare di finanziamento è stato ottenuto con la Banca africana di sviluppo (AfDB) e Scatec sta ora finalizzando i dettagli dell'accordo con il governo, secondo un portavoce dell'azienda.

 

Gli ostacoli persistono

 

Osmundsen osserva che, mentre gli elevati rendimenti solari e l'abbondanza di terra dell'Egitto lo rendono un mercato fondamentalmente attraente per l'energia fotovoltaica (PV), le difficoltà economiche della nazione, compreso il significativo deprezzamento della valuta, complicano gli investimenti esteri. La svalutazione della sterlina egiziana ha portato a una tariffa di rete “artificialmente bassa e fortemente sovvenzionata”, che ha influito sui prezzi dell’elettricità per i consumatori. Inoltre, le sfide nella conversione valutaria hanno scoraggiato gli investimenti nel settore commerciale e industriale (C&I).

 

Un portavoce di Scatec ha inoltre sottolineato che, nonostante il vantaggio competitivo delle energie rinnovabili in Egitto, la barriera principale rimane l'elevato costo del finanziamento, esacerbato dall'aumento dei tassi di interesse globali.

 

Nonostante l'impegno del governo a eliminare gradualmente i sussidi ai combustibili fossili, continua a promuovere la produzione di energia termica. Un portavoce di Voltalia ha affermato che la fine dei sussidi energetici è fondamentale per accelerare l’adozione delle energie rinnovabili. Voltalia è tuttavia ottimista riguardo alle prospettive a breve termine del mercato fotovoltaico egiziano. Questo ottimismo è in parte dovuto al recente razionamento energetico – due ore al giorno durante l'inverno – innescato dalla carenza di gas naturale per le centrali termoelettriche e dalla mancanza di valuta estera per procurarsi più gas, secondo un rappresentante di Scatec.

 

Le prospettive per il settore delle energie rinnovabili in Egitto sono positive, trainate da un aumento annuo della popolazione dell'1,7% che aumenta la domanda di elettricità. Secondo Voltalia, la maggior parte della futura capacità rinnovabile proverrà dall’energia fotovoltaica ed eolica, supportata da una modesta quantità di batterie di accumulo. Tuttavia, come sottolineato dal portavoce di Scatec, non si prevede che l'energia solare concentrata occuperà una parte significativa del futuro mix energetico. Guardando al futuro, ci sono possibilità di esportare energia solare dall'Egitto ai mercati europei attraverso gli interconnettori pianificati tra l'Egitto e Creta, e successivamente verso la Grecia continentale.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...