logologo

Contattaci

HomeBlogIl grano cresce meglio negli impianti agrivoltaici

Il grano cresce meglio negli impianti agrivoltaici

2024-04-15

Ricercatori italiani hanno condotto esperimenti per valutare la qualità del grano coltivato con un sistema di coltivazione fotovoltaica ad alta intensità. Hanno scoperto che aveva un valore nutritivo più elevato per il bestiame.

 

Lo studio è stato condotto dall'Istituto di Bioeconomia del CNR dell'Università di Firenze e da specialisti italiani dell'agrofotovoltaico su 11,4 ettari di grano a Borgo Virgilio, in provincia di Mantova. L'impianto comprendeva 7.680 pannelli Bisol e 768 inseguitori posti a 4,5 metri di altezza, per una copertura fotovoltaica totale di 1,3 ettari.

 

Il team ha utilizzato tre aree fotovoltaiche da 12 x 12 m con un rapporto di copertura del suolo (GCR) del 13% e tre aree da 144 m2 con un GCR del 41%. Sono state utilizzate anche tre sezioni di riferimento con caratteristiche simili ma senza pannelli e strutture ombreggianti.

 

"La prova di due anni ha dimostrato che la riduzione della resa in granella era limitata allo stadio fenologico di maturazione della cera dell'inseguitore standard (GCR = 13%), mentre i pannelli con ombreggiatura più elevata hanno mostrato una riduzione del 29,6% (GCR = 41 per cento)", ha detto Lucrezia Ghidesi. "La riduzione dell'irradiazione ha cambiato significativamente la lunghezza delle piante di grano, influenzando la qualità della biomassa foraggera."

 

Il gruppo di ricerca ha considerato parametri quali la sostanza secca, le ceneri, il contenuto di proteine ​​grezze, la proteina detergente neutra insolubile, la proteina detergente acida insolubile, la proteina solubile, la fibra detergente neutra, la fibra detergente acida e la lignina detergente acida.

 

Lo studio ha dimostrato che l'ombra ha influenzato le frazioni proteiche e fibrose della biomassa dei cereali e la digeribilità del mangime dei ruminanti.

 

Gli scienziati hanno spiegato: "Dopo 24 ore di incubazione in situ nel rumine, la fibra detergente neutra digeribile è aumentata con l'aumentare dell'ombra." Il contenuto di proteine ​​grezze e solubili, proteine ​​insolubili del detergente acido, fibra del detergente acido e fibra del detergente neutro era più elevato nella zona ombreggiata rispetto alla zona di controllo. La biomassa della zona ombreggiata presentava un migliore rapporto calcio-fosforo per l'alimentazione dei ruminanti.

 

Il team ha condotto la sperimentazione tra il 2022 e il 2023. I dati saranno ulteriormente convalidati dalle sperimentazioni nel 2024. L'azienda ha spiegato che la resa media potrebbe cambiare nei prossimi mesi.

 

Gli scienziati hanno concluso: "Questi risultati possono aiutare a migliorare la resa della biomassa e fornire preziose informazioni sul grano duro nei sistemi agro-fotovoltaici."

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...