logologo

Contattaci

HomeBlogThe Decline of Fossil Fuels in the United States as Retirement Looms

Il declino dei combustibili fossili negli Stati Uniti mentre incombe il pensionamento

2024-02-01
Dall’inizio del 2003, più di due decenni fa, negli Stati Uniti non è stato costruito nessun nuovo impianto “netto” per la produzione di energia fossile. Secondo il rapporto 860M del dicembre 2023 dell’Energy Information Administration (EIA) del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, gli Stati Uniti hanno circa 258 gigawatt di capacità di produzione di gas naturale, carbone e altra energia fossile commissionata o ritirata.

Mentre la produzione di combustibili fossili si è stabilizzata, gli Stati Uniti hanno abbracciato l'energia rinnovabile, mettendo in linea 162 gigawatt di energia solare e 150 gigawatt di energia eolica. Allo stesso tempo, il potere economico degli Stati Uniti è alle stelle: nel 2003, il prodotto interno lordo degli Stati Uniti ammontava a 15,5 trilioni di dollari (11,4 trilioni di dollari in termini reali), ed entro il 2023 supererà i 26 trilioni di dollari, con un tasso di crescita corretto per l'inflazione superiore al 67%.

 

Nello stesso periodo anche il consumo nazionale di energia elettrica è aumentato di circa il 10%. Le industrie eolica e solare, un tempo nascenti, stanno ora crescendo a un tasso annuo che supera di gran lunga qualsiasi aumento prevedibile del consumo di elettricità negli Stati Uniti.

 

Questo cambiamento ha lasciato le centrali elettriche a combustibili fossili sottoutilizzate e funzionanti a capacità ridotta, soprattutto quelle entrate in funzione negli ultimi due decenni. Gli impianti di picco del gas naturale costituiscono molte nuove centrali elettriche a combustibili fossili, con tassi di utilizzo annuale della capacità che vanno dal 5% al ​​15%.

 

Gli analisti di Rhodium Group, una società di analisi dati, riferiscono che le emissioni annuali del settore energetico statunitense sono diminuite del 40% in un periodo simile, da circa 2,5 miliardi di tonnellate a 1,5 miliardi di tonnellate. Questo declino si è verificato in un momento in cui la produzione di energia nucleare ed idroelettrica è diminuita, il carbone è stato sostituito dal gas naturale e l'energia eolica e solare sono cresciute.

 

Guardando al futuro, si prevede che questi modelli continuino: una maggiore quantità di energia fossile verrà smantellata anziché costruita, mentre al suo posto verrà sostituita una quantità significativa di energia rinnovabile.

 

Si prevede che nel 2024, il ritiro e l'introduzione delle centrali elettriche a combustibili fossili si annulleranno a vicenda, contribuendo ciascuna con meno di 5 gigawatt di capacità di generazione. Tuttavia, un cambiamento è previsto nel 2025, quando 15 gigawatt di centrali elettriche a combustibili fossili, principalmente a carbone, verranno dismesse, mentre solo 5 gigawatt di nuove centrali elettriche a gas naturale entreranno in funzione.

 

In netto contrasto con lo smantellamento dell'energia fossile, si prevede che gli Stati Uniti installeranno più di 100 gigawatt di nuova capacità solare nel 2024 e nel 2025, portando la capacità solare a più di un quarto di megawatt. Inoltre, l'EIA prevede l'installazione di 15 gigawatt di batterie nel 2024, con batterie aggiuntive da installare negli anni successivi.

 

Sebbene lo stoccaggio delle batterie non generi elettricità, svolge un ruolo cruciale nell'ottimizzazione dell'utilizzo dell'energia immagazzinando energia durante i periodi di bassa domanda e rilasciandola durante i picchi di domanda. Questi dispositivi a batteria, di prossima installazione, sono progettati specificatamente per soddisfare i costi elevati dell'elettricità necessaria durante i periodi di punta della domanda in aree tradizionalmente servite da impianti di punta alimentati a gas con una capacità di generazione compresa solo tra il 5 e il 15%.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo