logologo

Contattaci

HomeBlog Scatenare l’energia solare: le terre dei nativi americani prendono il controllo

Enorme potenziale solare sulle terre dei nativi americani negli Stati Uniti

2024-02-26

Tuffatevi nel fine settimana con un'affascinante lettura sulla sovranità energetica! I territori dei nativi americani detengono un incredibile potenziale di energia solare negli Stati Uniti. Sebbene il lancio di progetti abbia posto delle sfide, diverse tribù stanno ora prendendo il controllo del loro destino nella produzione di energia. È sorprendente che sia in corso un cambiamento, stimolato dai finanziamenti provenienti da iniziative come l'Inflation Reduction Act (IRA) degli Stati Uniti e altri programmi chiave.

 

Nel dicembre 2020, la Navajo Generating Station (NGS), una centrale elettrica alimentata a carbone che genera 2,25 GW, ha cessato le operazioni. Ciò segnò la fine di un'era durata 40 anni, lasciando l'Arizona, il Nevada e la California nell'oscurità e centinaia di disoccupati.

 

La chiusura ha messo in luce una dura realtà: nonostante il carbone estratto nella più grande riserva dei nativi americani, circa 14.000 case nella nazione Navajo erano prive di elettricità. Riconoscendo questa disparità, la Casa Bianca, attraverso la politica industriale di punta dell'IRA, ha riconosciuto che le nazioni tribali erano state "lasciate indietro per troppo tempo".

 

Ecco la svolta: l'IRA ha il potenziale per rivoluzionare le iniziative solari dei nativi americani. Sebbene le terre dei nativi americani costituiscano solo il 2% degli Stati Uniti, detengono oltre il 5% del potenziale solare della nazione. Tuttavia, l'installazione di pannelli solari ha comportato ostacoli. Prima dell’IRA, i progetti solari tribali avevano difficoltà finanziarie, perdendo gli attraenti crediti d’imposta sugli investimenti (ITC) del 30% per i progetti solari. Lo status sovrano delle tribù dei nativi americani significava che non erano soggette all'imposta federale sul reddito, rendendo l'accesso agli incentivi fiscali una sfida creativa.

 

Nel percorso verso l'energia sostenibile, la Navajo Tribal Utility Authority (NTUA) ha adottato un approccio unico nello sviluppo dell'impianto solare Kayenta. Situata vicino all’ex miniera di carbone di Kayenta, la NTUA ha fondato la NTUA Generation Inc., una società a scopo di lucro a scopo limitato. Questa mossa strategica ha permesso loro di accedere a crediti d'imposta e di condividere i benefici con i partner finanziari di progetto.

 

L'ingresso nell'IRA rende le cose ancora più semplici. Le organizzazioni no-profit possono ora ricevere direttamente crediti d’imposta come pagamento, una svolta per i progetti di energia rinnovabile sulle terre tribali. L’IRA introduce una serie di incentivi, in particolare la possibilità di cumulare gli incentivi fiscali sugli investimenti. Ciò significa che i crediti possono sommarsi, raggiungendo potenzialmente un enorme 70% del costo del progetto.

 

Vediamo in dettaglio: un progetto solare su terra tribale potrebbe godere di un credito d'imposta di base del 30%, più un ulteriore 10% se si trova su terra tribale. Il rispetto dei criteri per il contenuto domestico e i bonus della comunità energetica potrebbe raddoppiare il valore ITC fino al 60% del costo del progetto. Sebbene i dettagli esatti sui criteri per questi bonus siano ancora in sospeso, la possibilità di una copertura dei costi del progetto del 70% è un faro di speranza per lo sviluppo sostenibile.

 

L'ascesa dell'energia di proprietà tribale

 

È in corso un cambiamento epocale nel mondo dell'energia, che rompe con la tradizione per sostenere la proprietà tribale. All'interno delle comunità dei nativi americani, questo problema è circondato da forti sentimenti, alimentati da decenni di contributo al mix energetico statunitense senza trarne i giusti benefici.

 

Arash Moalemi, vicedirettore generale di NTUA Generation Inc., riflette sulle origini del cambiamento: “NTUA è nata dall'essere ignorata. Gli Stati Uniti non fornivano servizi di base alla Navajo Nation e la nostra leadership ha detto: “Basta”. Creeremo la nostra utilità perché le forze esterne non ci salvaguardano.'”

 

Fondata nel 1959, la missione principale della NTUA è fornire servizi essenziali come elettricità, acqua, Internet e copertura cellulare ai residenti della nazione Navajo. Negli ultimi anni, il perseguimento di questa missione li ha portati ad acquisire la proprietà di impianti solari su larga scala sulla loro terra, a cominciare dall’innovativo sito di Kayenta. Il viaggio verso l'autosufficienza e il controllo sulle risorse è ora un faro per un cambiamento positivo nelle iniziative energetiche tribali.

Nel cuore della Navajo Nation si trova la Kayenta Solar Farm, una centrale elettrica da 55 MW sviluppata in collaborazione con l'utility locale Salt River Project (SRP). Diviso in due fasi, la prima completata nel 2017 e la seconda nel 2019, questo progetto di 148 ettari nell'area di El Capitan rappresenta un passo avanti verso l'energia sostenibile.

 

Oltre ai 12,8 milioni di dollari di entrate fiscali previste nel corso della sua vita, Kayenta è stata un catalizzatore per la crescita economica, generando 434 posti di lavoro nel settore edile durante lo sviluppo. Sebbene questi ruoli siano vitali, Arash Moalemi della NTUA riconosce che non possono sostituire completamente quelli persi con la chiusura degli impianti a carbone e delle miniere associate. È qui che entra in gioco la produzione solare, con il potenziale di un impatto significativo.

 

Nell'affrontare la sfida occupazionale, Moalemi rivela: "Puntiamo ad aprire opportunità nella produzione solare nella nazione Navajo". Le conversazioni con i produttori di fotovoltaico sono in corso e lui accenna a potenziali conversioni di edifici, segnalando un passo strategico verso un futuro più luminoso e sostenibile.

 

Mentre la visione per la produzione solare muove i primi passi, lo slancio nello sviluppo del fotovoltaico su scala industriale è palpabile. Nell’agosto 2023, la NTUA ha celebrato il completamento del suo impianto solare Red Mesa da 94 MW, segnando un significativo passo avanti. Solo quattro mesi prima era stata siglata una partnership con Avangrid, un generatore locale affiliato alla multinazionale spagnola Iberdrola. Questa alleanza si è impegnata a esplorare lo sviluppo di ben 1 GW di progetti di energia verde all'interno della Navajo Nation.

 

Avanzando rapidamente fino al 6 dicembre 2023, quando il governo tribale della Navajo Nation, in collaborazione con il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e otto agenzie federali, firmò un memorandum d'intesa rivoluzionario. Questo documento delinea l'impegno del governo nel semplificare l'accesso tribale alle opportunità di finanziamento da iniziative come la creazione di incentivi utili per la produzione di semiconduttori e la legge sulla scienza, l'IRA, la legge bipartisan sulle infrastrutture e vari programmi annuali delle agenzie. Il terreno è pronto per un'era promettente di crescita sostenibile e autosufficienza energetica.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...