logologo

Contattaci

HomeBlogEuropean Union Member States' Clean Energy Plans Fail to Address Energy Storage

I piani per l’energia pulita degli Stati membri dell’Unione europea non riescono ad affrontare il problema dello stoccaggio dell’energia

2024-01-29
Secondo l’Energy Storage Coalition, l’importanza dello stoccaggio dell’energia viene trascurata nei piani nazionali per l’energia e il clima (PNEC) degli Stati membri dell’Unione europea (UE). La coalizione, che comprende vari gruppi commerciali che rappresentano le tecnologie energetiche rinnovabili e pulite in Europa, ha recentemente affermato che gli obiettivi dell’UE in materia di energia rinnovabile non possono essere raggiunti senza raddoppiare la capacità di stoccaggio installata del continente entro il 2030 portandola a 200 GW.

Sebbene molti paesi dell'UE abbiano riconosciuto questo requisito ad alto livello, i PNEC, che valutano le esigenze specifiche dei singoli stati e dettagliano l'attuazione degli schemi di transizione energetica, trascurano semplici passaggi per promuovere lo stoccaggio. Questa supervisione compromette il raggiungimento degli obiettivi di energia rinnovabile.

 

Una recente analisi dei progetti di proposte NECP presentati da tutti i 27 Stati membri evidenzia tre aree chiave identificate dalla coalizione in merito allo stoccaggio dell'energia: valutazione della flessibilità dei prezzi nei mercati energetici, pubblicazione di una strategia globale sullo stoccaggio dell'energia ed eliminazione dei doppi addebito delle tariffe di rete per le risorse di stoccaggio connesse alla trasmissione.

 

Nessuno dei progetti di PNEC è stato ritenuto soddisfacente in tutti e tre i parametri. Solo Spagna e Portogallo ricevono elogi in due aree su tre, con la maggior parte dei paesi che ottengono l'approvazione della coalizione in un solo parametro o meno.

 

Infografica di analisi dei diversi PNEC. Immagine: Coalizione per lo stoccaggio dell'energia.

 

La necessità di agire: lo stoccaggio dell'energia in Europa

 

All'inizio di quest'anno, la Energy Storage Coalition ha condotto un'analisi, rivelando che alcune aree del panorama europeo dello stoccaggio dell'energia necessitavano ancora di attenzione. La coalizione, composta da SolarPower Europe, EASE, WindEurope e Breakthrough Energy, mirava a identificare i parametri chiave che avrebbero guidato la crescita e lo sviluppo dello stoccaggio energetico in tutto il continente.

 

Rafforzare l'impegno: la strategia di stoccaggio energetico della Spagna

 

Tra le bozze esaminate, il Piano nazionale per l'energia e il clima della Spagna (PNEC) si è distinto come una delle strategie più complete e lungimiranti. La Spagna ha fissato obiettivi ambiziosi per la diffusione dello stoccaggio energetico, con l'obiettivo di 20 GW entro il 2030 e 30 GW entro il 2050. Il PNEC del paese prevede un impegno rafforzato per garantire flessibilità alla rete, rendendola un modello esemplare per altre nazioni.

 

Lottare sulla doppia tariffazione: un ostacolo agli investimenti

 

Uno dei principali ostacoli agli investimenti nello stoccaggio dell'energia in tutta Europa è la questione della doppia tariffazione. Gli impianti di stoccaggio dell’energia sono attualmente trattati sia come generazione che come fornitura alla rete, con conseguenti tariffe riscosse sia al momento del prelievo che del deposito dell’energia. Questa pratica normativa obsoleta scoraggia gli investimenti nello stoccaggio dell’energia. Diversi Stati membri, tra cui Repubblica Ceca, Germania, Portogallo, Spagna e Svezia, hanno adottato misure per affrontare questo problema, ma è necessario fare di più su scala più ampia.

 

Valutazioni di flessibilità: bilanciare domanda e offerta

 

Per integrare efficacemente lo stoccaggio dell'energia nella rete, è fondamentale valutare i requisiti di flessibilità. Le valutazioni nazionali possono determinare il volume di stoccaggio dell’energia necessario e le varie applicazioni che può fornire nel bilanciare la domanda e l’offerta di elettricità. Sfortunatamente, solo quattro Stati membri – Ungheria, Italia, Lussemburgo e Portogallo – hanno condotto valutazioni precise sulla flessibilità. Ciò evidenzia la necessità di valutazioni più complete in tutta Europa.

 

Una strategia integrata: la via da seguire

 

Una strategia di stoccaggio dell'energia è essenziale per consentire l'adozione diffusa delle tecnologie di stoccaggio dell'energia. Attualmente solo tre paesi – Spagna, Grecia e Malta – hanno sviluppato tali strategie. La Coalizione per l’immagazzinamento dell’energia sostiene fortemente che tutti gli Stati membri adottino una strategia di stoccaggio dell’energia. Inoltre, la coalizione chiede che i programmi di sostegno e il trattamento normativo dello storage siano indipendenti dalla tecnologia, consentendo condizioni di parità e promuovendo l'innovazione nel settore.

 

Guardando al futuro: progressi e sfide

 

I PNEC sono in vigore dal 2019 e la Commissione europea ha esortato gli Stati membri ad aggiornare i propri piani per allinearsi agli obiettivi in ​​materia di energie rinnovabili. Tuttavia, anche con i piani rivisti, l’analisi della Commissione suggerisce che l’obiettivo del 42,5% della direttiva sulle energie rinnovabili entro il 2030 potrebbe non essere raggiunto. Sono necessarie ulteriori azioni per accelerare lo sviluppo e la diffusione delle tecnologie di stoccaggio dell'energia in tutta Europa.

 

Il nono vertice annuale dell'UE sullo stoccaggio dell'energia si sposterà in una sede più ampia, riunendo i principali investitori europei, politici, sviluppatori, servizi pubblici, acquirenti di energia e fornitori di servizi per discutere del futuro dello stoccaggio di energia in Europa.

 

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...