logologo

Contattaci

HomeBlogLa Società tedesca per l’energia solare mette in guardia contro la cattura e lo stoccaggio della CO2 (CCS)

La Società tedesca per l’energia solare mette in guardia contro la cattura e lo stoccaggio della CO2 (CCS)

2024-03-21

La Società tedesca per l'energia solare (DGS) ha espresso preoccupazione per la decisione del Ministero federale dell'economia di aprire la strada alla cattura e allo stoccaggio del carbonio (CCS). A differenza delle associazioni per le energie rinnovabili, la DGS ritiene che la CCS sia una tecnologia fuorviante che potrebbe ostacolare gli sforzi dell'industria verso la neutralità climatica.

 

Il DGS fa appello ai partner della coalizione e all'opposizione affinché si concentrino sulla fine di tutti i sussidi ai combustibili fossili invece di consentire lo stoccaggio di anidride carbonica per gli impianti industriali. Torsten Lütten, presidente della DGS, sottolinea la necessità di eliminare le barriere all'espansione delle energie rinnovabili invece di facilitare lo stoccaggio di anidride carbonica per gli impianti industriali.

 

"Gli sforzi dell'industria diminuirebbero con la CCS"

 

Non c'è dubbio che alcune industrie ad alta intensità energetica si trovino ad affrontare sfide significative nel ridurre a zero le loro emissioni tossiche, considerando le ben note conseguenze che impongono a noi e al mondo. Hanno avuto decenni per affrontare questo problema, ma non lo hanno fatto. Se il Ministro dell'Economia propone ora di continuare a produrre emissioni tossiche con la speranza di immagazzinarle in un deposito altrove in futuro, essenzialmente sta perpetuando il problema degli ultimi decenni.

 

"È prevedibile che gli sforzi dell'industria per ridurre le emissioni di CO2 perderanno slancio una volta reso possibile uno stoccaggio redditizio dei gas serra", afferma Lütten. "Attualmente non esistono tecnologie accessibili e scalabili per lo stoccaggio della CO2, per non parlare di siti sicuri. Tutto dovrebbe essere sviluppato in futuro."

 

Inoltre, ciò richiederebbe risorse aggiuntive e combustibili fossili. "Questo calcolo non può e non funzionerà e il ministro dovrebbe esserne consapevole", afferma il presidente della DGS. "Esistono soluzioni reali. Perché non sono obbligatorie? Materiali da costruzione alternativi, elettricità a prezzi accessibili dal fotovoltaico, calore di processo dal solare termico a costi stabili per 30 anni, elettricità su larga scala e stoccaggio del calore: tutto questo è prontamente disponibile."<p >

 

A differenza della DGS, le associazioni che rappresentano l'industria dell'energia solare ed eolica, BSW e BWE, hanno rifiutato di commentare la questione in risposta a una richiesta di Solarthemen. Tuttavia, anche il progetto di linee guida prevede la possibilità della CCS nella produzione di energia elettrica a determinate condizioni. Solarthemen ha trattato ampiamente questo argomento.

 

per ulteriori informazioni o soluzioni fotovoltaiche, contattare Solar N Plus

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo
Contattaci per la tua soluzione energetica!

Il nostro esperto ti contatterà per qualsiasi domanda!

Select...